Avviso ad evidenza pubblica per “Tutti a Iscol@” A.S. 2017/2018

Il nostro istituto partecipa al progetto “Tutti a Iscol@” della  Regione Sardegna

Leggi la comunicazione del Dirigente Scolastico

Sono previste, per gli alunni del biennio, tre linee di intervento:
Linea A: miglioramento delle competenze di base di Italiano (A1) e Matematica (A2)

Linea B: Scuole aperte, per migliorare la qualità dell’offerta formativa extracurricolare attraverso forme di didattica laboratoriale (B1 e B2)

Linea C: Sostegno psicologico e pedagogico e di mediazione interculturale

– o – o –

Avviso Professionista Linea C S’Iscol@ 2017-2018

Domanda Partecipazione Linea C PSICOLOGO

Domanda Partecipazione Linea C MEDIATORE INTERCULTURALE

Il corso serale è salvo

Da L’Unione Sarda del 30/05/2015

Unione ipsarCorrado Spiga ha gli occhi a mandorla e per come è è vestito sembra un samurai. Ma è di Monserrato ed è un cuoco. Oltre ad imparato tante ricette, ha portato a termine una missione ancora più importante: ha salvato le classi serali nell’Istituto Alberghiero Gramsci. «Volevano sopprimere i corsi, ma abbiamo fatto ricorso al Tar affinché più di cento studenti come me non dovessero rinunciare al loro diritto all’istruzione», racconta questo ragazzo di trentotto anni e una passione per la cucina sarda.

I TAGLI Tutta colpa dei tagli all’istruzione: era stata decisa da Ministero e Regione la condanna a morte dei corsi per i lavoratori. Da qui la rivolta – andata a buon fine grazie al sigillo del Tar – di donne e uomini dai diciannove ai sessantacinque anni che per un motivo o l’altro hanno deciso di ricominciare a studiare. «A Monserrato siamo circa 120: per soddisfazione personale oppure per avere una chance in più di trovare un lavoro». Giovedì sera Spiga ha fatto volar via un tovagliolo dalla parete per scoprire il suo piatto migliore: una targa. C’è scritto che «l’istruzione e la formazione sono le armi più potenti che si possano utilizzare per cambiare il mondo». Ma anche il loro personale pensiero: «Non permettere mai a nessuno di calpestare il vostro diritto allo studio, lottate sempre con tutti i mezzi legali al fine di evitare una catastrofe di ignoranza».

TAR Anni di lotta, sostenuti con numerosi eventi gastronomici che hanno permesso di portare avanti i corsi e la battaglia legale. Con Spiga anche Gianluca Fanti, 45 anni. Esce dalla cucina e racconta la sua storia. «Lavoravo nel campo dell’edilizia, mi sono ritrovato disoccupato e ho deciso di tornare a scuola. Materia preferita: scienze e matematica». E un sorriso perché anche altri avranno la possibilità di fare un cammino simile al suo.

LA STORIA Come è capitato alla matricola Maria Teresa Pilia, 55 anni. «A casa mi hanno presa per pazza, ma per me questa è una sfida», racconta mentre serve arancini e panelle. «Una grande soddisfazione vedere i risultati raggiunti da questi ragazzi e adulti che hanno iniziato un percorso di vita», racconta la dirigente scolastica Maria Beatrice Pisu. Che aggiunge come sia contagioso «tutto il loro entusiasmo». Con lei anche Mariano Pani, responsabile del Meucci, e Francesco Nonnis del Pertini. Una battaglia portata avanti in comunione tra tre istituti che salvano il diritto allo studio di circa 450 studenti. «Monserrato ha un’ottima scuola, le serali offrono grandi opportunità, molti concittadini di Monserrato ancora non sanno che qui al Gramsci, a qualunque età, si può ricominciare a studiare», chiude Spiga. Che prende mestoli e quaderni e saluta per sempre l’Alberghiero: «Grazie a questa scuola ora ha un futuro».

Virginia Saba